Triangoli di pasta fillo al vino bianco con tonno, robiola e olive verdi
Antipasti con il vino,  Ricette con il vino,  Secondi piatti con il vino

Triangoli di pasta fillo al vino bianco con robiola, tonno e olive verdi

Un secondo di pesce sfizioso al forno

I triangoli di pasta fillo al vino bianco con robiola, tonno e olive verdi sono un secondo di pesce senza spine molto sfizioso e veloce da preparare. Sono ideali da servire anche come antipasto.

La pasta fillo (“fillo” dal greco “foglia”) è un impasto di origine mediorientale ed è molto versatile. Si può farcire in mille modi e declinare anche in versione dolce. Sono ottimi anche con la crema pasticcera al Limoncello!

Triangoli di pasta fillo al vino bianco ripieni di tonno e robiola
Foto coperta da Copyright @La Cucina Alcolica

Come fare i triangoli di pasta fillo al vino bianco con robiola, tonno e olive verdi

I triangoli di pasta fillo al vino bianco con robiola, tonno e olive verdi sono molto semplici da preparare.

Ingredienti

Per la pasta fillo

  • 200 g di farina 00
  • 50 g di acqua a temp. ambiente
  • 50 g di vino bianco
  • 10 g di olio di semi di girasole
  • Un pizzico di sale
  • Amido di mais q.b.
  • Olio di semi di girasole q.b. per spennellare
  • Semi di sesamo q.b.

Per il ripieno

  • 130 g di tonno sgocciolato
  • 100 g di robiola
  • Erba cipollina q.b.
  • 30 g di olive verdi denocciolate tagliate a rondelle

Procedimento

  1. In una ciotola mescolare la farina 00 con l’acqua, il pizzico di sale e i 10 g di olio di semi. Lavora l’impasto finché non diventa liscio (quando si stacca dalle pareti della ciotola). Completa su un piano di lavoro per dare elasticità all’impasto.
  2. Forma un filone e ricava 6-7 palline. Passale nell’amido di mais, copri con la pellicola alimentare e lascia riposare per 1 ora a temperatura ambiente.
  3. Nel frattempo prepara il ripieno mescolando il tonno con la robiola, l’erba cipollina e le olive, e metti da parte.
  4. Con il mattarello stendi una pallina alla volta, i dischi devono essere il più sottile possibile.
  5. Spolvera un po’ di amido di mais e appoggia il primo disco, spennella con poco olio di semi e appoggia il secondo disco, che dovrai spennellare nello stesso modo. Procedi così fino all’ultimo disco, l’unico che non deve essere oleato. Questa particolare procedura serve a creare una stratificazione e a dare croccantezza alla sfoglia.
  6. Spolvera di nuovo un po’ di amido di mais sul piano di lavoro e inizia  stendere l’impasto formato dai dischi sovrapposti poco alla volta, prima picchiettando il mattarello sulla superficie (come si fa per la pasta sfoglia), poi tirando l’impasto fino a ottenere un’unica sfoglia sottile. In controluce deve essere trasparente.
  7. Appoggia la pasta fillo su un foglio di carta da forno e con una rotella tagliapasta o il coltello dividi l’impasto in senso orizzontale ottenendo due parti. Ora ricava dei quadrati.
  8. Distribuisci 1 cucchiaio di ripieno seguendo lo schema. Poi sigilla il bordo con un po’ di acqua e farina o solo albume.
  9. Adagia i triangoli in una teglia, spennella con poco olio e distribuisci i semi di sesamo.
  10. Fai cuocere in forno preriscaldato in modalità statica per circa 20 minuti.

Il consiglio in più della Cucina Alcolica

I triangoli di pasta fillo al vino bianco con robiola, tonno e olive verdi si possono anche friggere e sono ancora più buoni. Il fritto è sempre il fritto! Se cerchi altre ricette sfiziose con il tonno in scatola ti consiglio di provare anche le polpette di tonno e robiola senza uova e patate alla birra e le cotolette di melanzane ripiene di tonno e olive verdi al vino bianco.

Se questa ricetta ti è piaciuta e vuoi essere sempre aggiornato, seguimi anche sulla mia pagina Facebook e sul mio profilo Instagram e lascia il tuo like!

HASHTAGS #ricettelacucinalcolica

Ricorda di fotografare questo piatto e di condividerlo con me su Instagram, aggiungendo l’hashtag #ricettelacucinalcolica. Periodicamente le vostre foto saranno raccolte e pubblicate sui miei profili Social!

Condividi su:

La mia passione è cucinare! Mi diverto a sperimentare varianti alcoliche di ricette dolci e salate utilizzando il vino, la birra e i liquori.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies. AccettaRifiutaPersonalizza
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy